La “Weather Factory” di Ford simula le condizioni climatiche globali

gennaio 4, 2017

Ford a Colonia ha creato un centro di simulazione ambientale allo stato dell’arte dove sarà possibile riprodurre qualsiasi condizione climatica, dal gelo artico al caldo desertico, passando per l’umidità delle foreste equatoriali, al fine di testarne gli effetti sui veicoli in fase di sviluppo.

All’interno del nuovo centro di simulazione ambientale, potranno essere create le condizioni meteo più diverse, tra cui nevicate intense, sole abbagliante, piogge torrenziali, raffiche di vento fino a 250 km/h, temperature estreme – dai -40 ai 55° C, solo 1,7° C in meno della temperatura più alta mai registrata a livello globale* – e umidità fino al 95%.

 

Il centro sperimentale in grado di ricreare nella pianeggiante Colonia, alla semplice pressione di un tasto, le condizioni climatiche ad esempio tipiche della cima più alta dell’Europa occidentale, sarà il più avanzato del suo genere. All’interno del centro Ford di simulazione ambientale sarà, infatti, possibile riprodurre il clima del Monte Bianco, la vetta più alta d’Europa con un’altitudine di 5.200 metri sul livello del mare, per studiarne gli effetti sui veicoli.

L’impianto, che avrà le dimensioni di un campo da calcio si estenderà su una superficie di oltre 5.500 metri quadrati, includerà un laboratorio per i test ad alta quota, 2 gallerie del vento e 4 camere a temperatura controllata, 3 delle quali saranno anche in grado di effettuare i test di umidità. Sarà inoltre possibile condurre test sulle Performance Car e in generale sulle auto sportive dell’Ovale Blu in condizioni di vento ad altissime velocità.

I centri di sviluppo Ford in Europa includono anche il Centro Prove di Lommel, in Belgio, dove è presente una pista da test con fondo sconnesso, che si estende per 80 chilometri costellati di buche, dissuasori, avvallamenti e spaccature. A Lommel, gli ingegneri Ford percorrono ogni anno oltre 6 milioni di chilometri alla guida dei futuri veicoli dell’Ovale Blu, affrontando simulazioni particolarmente impegnative come, ad esempio, condizioni simili a quelle riscontrabili nel deserto del Mojave negli USA, al circolo polare artico e presso il Passo di Grossglockner, in Austria.

Argomenti:
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail