Ford Motor Company, BMW, Gruppo Daimler e Gruppo Volkswagen, con Audi e Porsche, hanno annunciato una joint venture per l’introduzione della ricarica rapida in Europa

dicembre 7, 2016

Ford Motor Company, BMW, Gruppo Daimler e Gruppo Volkswagen, con Audi e Porsche, hanno firmato un protocollo d’intesa per l’implementazione di una rete di punti di ricarica rapida per le auto con alimentazione elettrica al fine di assicurare la copertura di grandi distanze sulle strade europee. Questo sarà un passo importante verso la diffusione sul mercato europeo delle auto elettriche.

La rete di ricarica ultra-rapida, ad alta potenza, raggiungerà i 350 kW, molto più veloce rispetto alle tecnologie di ricarica disponibili al momento. L’implementazione della rete inizierà nel 2017 con un primo step che prevede la messa in opera di 400 stazioni di ricarica sul territorio europeo. Entro il 2020 i clienti dovrebbero avere accesso a migliaia di punti di ricarica rapida. L’obiettivo è quello di consentire ai possessori di auto elettriche la possibilità di affrontare viaggi a lungo raggio grazie alla presenza di una rete di stazioni di ricarica posizionate lungo le autostrade e sulle arterie stradali. Si prevede che l’esperienza di ricarica delle auto elettriche possa evolversi fino a diventare semplice come il rifornimento di carburante presso le stazioni di servizio tradizionali.

La rete si baserà sullo standard tecnologico di ricarica esistente, Combined Charging System (CCS), al fine di sviluppare la capacità di ricarica dei connettori AC e DC, con l’obiettivo di portarla ad un livello superiore con la ricarica rapida DC fino a 350 kW. Le auto elettriche BEV (Battery Electric Vehicle) in grado di supportare queste potenze potranno effettuare la ricarica presso stazioni indipendenti, in tempi molto più brevi rispetto a quelli al momento necessari per effettuare tale operazione. La rete sarà in grado di rifornire tutti i veicoli elettrici con impostazioni di ricarica CCS, in modo da consentire un più rapido sviluppo del mercato delle auto elettriche in Europa.

Ford Motor Company
“Una infrastruttura affidabile di ricarica rapida ha il potenziale di trasformare, ampliandole, le possibilità dei veicoli a propulsione elettrica, ed è quindi fondamentale per la sua diffusione tra i consumatori”, ha commentato Mark Fields, President e CEO, Ford Motor Company. “Ford è impegnata nello sviluppo di veicoli e tecnologie per rendere migliore la vita delle persone e questa rete di strutture per la ricarica renderà più facile e più pratico per i clienti di tutta Europa, il possesso di auto elettriche”.

BMW Group
“Questa rete di ricarica ad alta potenza fornisce agli automobilisti un buon motivo per muoversi verso la mobilità elettrica”, ha commentato Harald Krüger, Chairman of the Board of Management, BMW AG. “Il Gruppo BMW ha avviato numerosi progetti per lo sviluppo di infrastrutture di ricarica nel corso degli ultimi anni. Il progetto comune è un altro importante traguardo che dimostra chiaramente che i concorrenti stanno unendo le loro forze verso una nuova e-mobility”.

Daimler AG
“La svolta verso la e-mobility richiede due cose: veicoli convincenti e un’infrastruttura di ricarica completa. Con il nostro nuovo brand EQ, stiamo lanciando la nostra offensiva di prodotto per quanto riguarda l’elettrico: entro il 2025, il nostro portafoglio comprenderà più di dieci auto completamente elettriche. Insieme ai nostri partner, stiamo implementando l’infrastruttura di ricarica rapida più potente in Europa”, ha commentato il Dr. Dieter Zetsche, Chairman of the Board of Management, Daimler AG, e Head of Mercedes-Benz Cars. “La disponibilità di stazioni di ricarica rapida permetterà per la prima volta di effettuare viaggi a lungo raggio, convincendo sempre più acquirenti ad optare per i veicoli elettrici”.

Audi AG
“Abbiamo intenzione di creare una rete che permetta ai nostri clienti di effettuare la ricarica della propria auto elettrica nel tempo di una pausa caffè, durante i viaggi a lungo raggio”, ha commentato Rupert Stadler, Chairman of the Board of Management, Audi AG. “Poter contare su servizi di ricarica rapida affidabili è un fattore chiave per i conducenti intenzionati a scegliere un veicolo elettrico. Con questa joint venture vogliamo incoraggiare una più ampia adozione di vetture elettriche e accelerare il passaggio verso una guida esente da emissioni”.

Porsche AG
“Ci sono due aspetti decisivi dal nostro punto di vista: la possibilità di ricarica rapida e l’implementazione di stazioni di ricarica nei luoghi più indicati”, ha affermato Oliver Blume, Chairman of the Executive Board, Porsche AG. “Insieme, questi due fattori ci permettono di viaggiare con una macchina completamente elettrica come fosse un veicolo con motore a combustione convenzionale. Come produttore di automobili, diamo forma attivamente al nostro futuro, non solo attraverso lo sviluppo di veicoli elettrici, ma costruendo anche le necessarie infrastrutture”.

Le case automobilistiche intendono effettuare investimenti sostanziali per creare la rete di ricarica, sottolineando l’impegno di ogni azienda per il futuro della mobilità elettrica. I soci fondatori, BMW Group, Daimler, Ford Motor Company e Volkswagen Group, saranno partner alla pari nella joint venture, mentre le altre case automobilistiche saranno incoraggiate a partecipare alla rete di ricarica per contribuire a creare soluzioni di ricarica convenienti per i clienti di veicoli elettrici. La joint venture prevede inoltre la collaborazione con i partner territoriali al fine di garantire una rapida realizzazione della rete.

Lo sviluppo della joint venture è soggetto all’esecuzione di accordi definitivi e all’approvazione in materia di controllo delle concentrazioni nelle varie giurisdizioni.